Voci di capitolato

Muratura portante armata antisismica faccia vista ad aderenza migliorata.

Fornitura e posa in opera di mattoni semipieni estrusi in Klinker aventi le seguenti caratteristiche prestazionali minime:

  • Dimensioni:
  1. cm. 5.2 x 13.5 x 28 “Bolognese”
  2. cm. 7.2 x 14.2 x 29.6 “Lidio”
  3. cm. 7.5 x 13.5 x 28 “Terzetto”
  • Percentuale di foratura: 30% ≤ F ≤ 45%.
  • Resistenza a compressione: > 40 N / mm2
  • Durabilità al gelo e disgelo: F2 – idoneo ad essere impiegato in murature non protette
  • Conducibilità termica: 0,34 W/mK
  • Massa volumica lorda > 1.250 kg / m3
  • Reazione al fuoco: euroclasse A1

La posa in opera dovrà essere effettuata mediante la sovrapposizione degli elementi in disposizione esclusivamente a due teste con tessitura di tipo alla “Gotica” o “Polacca” in modo da creare un sistema murario isodomo.

Ogni fila di mattoni sarà legata mediante:

a) Giunti orizzontali realizzati con corsi di malta strutturale in conformità al D.M. 14/01/2008, avente resistenza media a compressione > 10 N/mm2

b) Micro armature verticali diffuse con funzione antiscorrimento, a sovrapposizione sfalsata, realizzate con spinotti in acciaio B 450 C, diametro Ø 6 mm.

La armature verticali continue, verranno disposte in conformità al D.M. 14/01/2008 mediante la fornitura e posa in opera di:

  • calandri fiduciari tralicciati (da disporre nei nodi angolari ed ortogonali delle pareti portanti).
  • barre integrative in acciaio B 450 C, diametro Ø 16 mm, da disporre a 4 mt. da ciascuna armatura verticale continua.

La armature orizzontali continue, verranno disposte in conformità al D.M. 14/01/2008 mediante la fornitura e posa in opera di:

  • n° 01 barra in acciaio B 450 C, diametro Ø 6 mm, disposta orizzontalmente, per tutta la lunghezze delle murature portanti, con cadenza ad interasse verticale massimo di 60 cm.

 

Note prescrittive

  1. Umidificare i mattoni, bagnandoli in funzione della capacità di assorbimento per evitare che la malta si bruci ed assicurare nel contempo una giusta coesione tra la malta e l’interno dei pori del laterizio.
  2. Procedere alla finitura dei giunti a vista ogni 5/6 corsi, prima comunque di un definitivo consolidamento.
  3. Mantenere continui i giunti di malta evitando interruzioni sia nella faccia verticale che in quella orizzontale del mattone.
  4. Effettuare lavaggi con acqua pulita e spugna del paramento esterno 2/3 volte nella giornata lavorativa.
  5. Evitare di murare al di sotto dei 5°C.
  6. Mantenere lo spessore dei giunti di malta tra minimo 10 mm e massimo 15 mm.
  7. Utilizzare esclusivamente mattoni in laterizio di lunghezza minima 28 cm e massima 30 cm.
  8. Inserire le spine in acciaio nervato antiscorrimento prima dell’indurimento della malta.